Ricerca nel sito
Seguici su Twitter
mercoledì
lug242013

Vine e i brand: come NON utilizzare il servizio video di Twitter

Sono passati esattamente sei mesi dal debutto di Vine, la piattaforma di Twitter che consente la pubblicazione di brevi video della durata di 6 secondi. Dal 24 Gennaio ad oggi, molte aziende hanno sperimentato nuovi modi di comunicare attraverso il servizio, dimostrando che anche in pochi secondi è possibile raccontare una storia legata al proprio brand 

In questi mesi Vine è riuscito a raggiungere una buona popolarità, tanto da spingere Instagram ad introdurre la possibilità di realizzare video di 15 secondi, modificabili con appositi filtri. Una mossa che, nonostante abbia creato qualche problema alla crescita della base utenti di Vine, non ha intaccato l’interesse delle aziende per questo servizio. 

Dopo questi mesi di sperimentazioni da parte dei brand vi raccontiamo in due post, uno oggi e l’altro tra due settimane, quali sono le cose che funzionano e quelle che invece è meglio evitare per avere successo su Vine. 

Quello che NON funziona su Vine

  • Essere su Vine perchè è “di moda”
    Quando esce una nuova piattaforma social, spesso le aziende decidono di esserci solo perchè è la moda del momento, senza riflettere sulla reale necessità di aggiungere un nuovo canale al loro Social Media Marketing. Aprire un profilo su Vine e caricare video senza capire se e in che modo potrebbero essere realizzati in maniera interessante e accattivante, è il primo passo verso uno scarso successo. 
  • Comprimere in 6 secondi concept pensati per video più lunghi 
    Ogni canale social ha una propria “grammatica”: cercare di adattare forzosamente a Vine un’idea nata per un’altra piattaforma porta alla creazione di contenuti poco fruibili che confondono gli utenti. GAP, ad esempio, ha voluto rappresentare l’evoluzione di 40 anni di etichette di jeans in 6 secondi.



Una selezione di jeans più piccola, oppure la proposizione di questo concept su canali differenti (Instagram o Youtube) avrebbe reso meglio l’idea alla base del video.

  • Caricare video che non abbiano UNO scopo preciso 
    Il dono della sintesi è raro, ma i brand che hanno intenzione di comunicare su Vine devono possederlo. Con soli 6 secondi a disposizione è importante stabilire con precisione il motivo per cui si sta creando il video e comunicarne il concept in modo semplice, creando una struttura narrativa che abbia un inizio, una parte centrale e una fine. Aggiungere delle descrizioni testuali e sfruttare l’audio può sicuramente aiutare.

Per ora è tutto, appuntamento tra due settimane con le best practice per avere successo su Vine!

Giorgio Massaro

 

PrintView Printer Friendly Version

EmailEmail Article to Friend

References (2)

References allow you to track sources for this article, as well as articles that were written in response to this article.
  • Response
    Vine e i brand: come NON utilizzare il servizio video di
  • Response
    Response: 스포츠베팅
    Vine e i brand: come NON utilizzare il servizio video di

Reader Comments

There are no comments for this journal entry. To create a new comment, use the form below.

PostPost a New Comment

Enter your information below to add a new comment.

My response is on my own website »
Author Email (optional):
Author URL (optional):
Post:
 
Some HTML allowed: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>
« Il benvenuto di Twitter al Royal Baby | Main | e-Reputation Manager: la nuova professione del web »